Fermo, prestigiosa città storica che sorge a due passi dal mare, dal gusto classico dove ognuno è protagonista.

Ultimi post dal magazine
Top

Il museo archeologico di Torre di Palme

 

Ascolta l'audiodescrizione

Il museo costituisce il più recente tassello, aggiunto nell’aprile 2019, andato ad arricchire il già prezioso percorso museale fermano. Allestito all’interno di un elegante palazzo in stile neoguelfo, risalente al secondo dopo guerra, si snoda in tre stanze in cui sono esposti i corredi funerari di tre delle venti tombe rinvenute in contrada Cugnolo, nei pressi della frazione nel versante sud del borgo.

Nella prima sala, dove hanno sede anche il punto informativo turistico e la biglietteria, è esposta la tomba più antica della necropoli, risalente all’età del bronzo (IX-VII secolo a.C.), di un giovane, di età compresa tra i 17 e i 21 anni, sepolto con il suo piccolo corredo: un pugnale in lega di rame e un manufatto in selce.
La seconda sala, la più grande, ospita la ricostruzione fedele di una tomba appartenuta ad una donna di circa 40 anni, vissuta nel VI secolo a.C., che doveva rivestire un ruolo di grandissimo prestigio all’interno della comunità. La tomba è, infatti, la più ricca fra quelle rinvenute negli scavi e si caratterizza per una notevole abbondanza del corredo e per la presenza, sul bacino, del tipico anellone piceno in bronzo a quattro nodi, oggetto di funzione non chiara ma tipico delle sepolture di donne di rango nel territorio piceno meridionale, forse legato a un simbolismo religioso. L’immagine della defunta che emerge dallo studio è quella di una donna eminente nella comunità palmense che poteva organizzare e partecipare ai banchetti e che possedeva probabilmente dei telai e, quindi, poteva controllare economicamente l’attività di produzione e commercializzazione dei tessuti.
La terza sala è dedicata ai resti di una tomba infantile databile al VI secolo a.C., probabilmente di sesso femminile, come si può ipotizzare dalla ciprea (valva di conchiglia) e dal pendaglio con i cavallini tipici delle sepolture femminili, con funzione, probabilmente, di amuleti.

Questi rinvenimenti aprono un panorama nuovo sull’antichità della presenza di comunità umane a Torre di Palme e rappresentano una scoperta importante per l’intero ambito regionale, con inaspettati contatti culturali verso tutta la penisola italiana.

gallery

info


Punto informativo
Museo Archeologico
di Torre di Palme


orario di apertura fino al 31/1/2022
sabato e domenica 15.00-20.00

orario di apertura dall'1/2 al 31/3/2022
apertura su prenotazione

0734.53119

scrivici

You don't have permission to register