Fermo, prestigiosa città storica che sorge a due passi dal mare, dal gusto classico dove ognuno è protagonista.

Ultimi post dal magazine
Top

Gli eventi a Fermo

Caricamento Eventi
27 Novembre 2021
18:00
Palazzo dei Priori - Sala dei Ritratti
Musica e spettacoli

Violenza Tacita

evento per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

monologo a tre voci
di e con Giulia Merelli, Serena Abrami e Monica Del Carpio

Quello che noi percepiamo come violenza talvolta non è denunciabile, perché violare significa applicare uno schema smettendo di guardare chi si ha davanti.

Violenza Tacita è uno spettacolo fra musica e teatro. Il filo della performance è tenuto da un racconto, scritto e interpretato da Giulia Merelli (attrice e autrice), che tratta del problema della violenza psicologica e lo fa tramite un intreccio di relazioni apparentemente banali: quelle fra Ettore, ragazzo insicuro dal fare paternalistico, e altri 4 ragazzi (Paolo, Alice, Michelle e Claudia), responsabili di essere troppo sensibili.
Talvolta si fa fatica a uscire fuori dal proprio guscio, a scapito dello schema che l’altro tenta di applicarci addosso, specie se questo schema ideologico viene portato con le migliori intenzioni, ecco pertanto che anche un “fare protettivo” può trasformarsi in un gesto umiliante, che banalizza la personalità dell’altro, soltanto perché la riduce alla sua pretesa: essere come lui vuole che sia.
Il racconto parla di 5 ragazzi che si trovano un weekend a Milano per una convention, in vista di una expo, sono architetti e sono abituati a stare dentro ai ruoli assegnati e a rispettare il capo. Il problema insorge quando questo capo, portato fuori dalla confort zone del suo ruolo guida, cerca di portare quello stesso ruolo nella vita di tutti i giorni, di applicare lo stesso schema: vedere gli altri come anime da guidare secondo il suo piano altruistico.
Il testo è spaccato violentemente e a tratti accompagnato con dolcezza da canti e canzoni, eseguiti da Serena Abrami (cantante e cantautrice) e Monica del Carpio (violoncellista).
I brani cantati sono scritti da donne e riguardano delle donne, alcuni della stessa Serena Abrami. Arricchiscono la storia di una vibrazione sonora che porta la parola al cuore, di brani pop e sacri che conducono lo spettatore dentro se stesso, lo invitano a considerare in modo non scontato le sue relazioni e gli incontri.

BIOGRAFIE

Giulia Merelli è attrice marchigiana. Dopo la laurea in Lettere Classiche all’Università di Perugia e il diploma come “Attore-Performer” presso il T.S.U. Teatro Stabile dell’Umbria con C.U.T. di Perugia, corso di Alta Formazione specializzato in scrittura scenica, prosegue la sua formazione con Francesco Rossini, Marco Sgrosso, Luca Micheletti, Leonardo Capuano, Massimiliano Speziani, studia improvvisazione corporea con Silvia Gribaudi, voce con la cantante jazz Stefania Patanè. Lavora con il teatro Bellini di Napoli in una lunga tournée in Italia e all’estero con la regia di Alessandro Gassman, a Milano con Tobia Rossi, Manuel Renga, con il teatro Franco Parenti di Milano dove interpreta il personaggio di Sonja in Delitto e Castigo, regia di Alberto Oliva. Al festival Evento Segreto ha conseguito la menzione d’onore per intelligenza e particolarità della proposta con il monologo da lei scritto e interpretato: Una donna. Nelle Marche sta lavorando a un metodo pedagogico teatrale chiamato “Anima”, si intreccia con Scienze religiose, corso di laurea concluso con lode, portando una tesi esplicativa del metodo e dei fondamenti teologici che stanno alla base del teatro. Con questo metodo ha realizzato come regista e interprete i seguenti spettacoli: Anima, da A. Pincherle Rosselli, Bariona, da J. P. Sartre. Ha contribuito con improvvisazioni verbali e corporee alla scrittura del monologo Veronica, testo di Alessandro Pertosa, da lei interpretato con l’accompagnamento di Daniele Cannella.

Serena Abrami è una cantante e cantautrice, voce della band Leda. Con alle spalle tre lavori discografici da solista ed uno come parte della formazione Leda, è attualmente impegnata nella pubblicazione del secondo album della band. Accanto all’ intensa attività legata ai concerti, ha avuto modo nel corso degli anni di relazionarsi con produttori italiani e stranieri tra cui Steve Lyone Paolo Bragaglia; Howie B si è occupato del remix di un brano tratto dall’ album Di imperfezione. Tra le collaborazioni artistiche, si segnalano quelle con Niccolò Fabi, Ivano Fossati, Max Gazzè ,Tommaso Cerasuolo (Perturbazione), Ferruccio Spinetti (Avion Travel, Musica Nuda), Marino Severini (Gang), l’attore Paolo Briguglia, gli scrittori Luca Ragagnin e Lucia Tancredi. Ha lavorato in colonne sonore di film, documentari e spot pubblicitari. Ha composto il sonoro del corto di animazione I sogni di Carlotta del regista Davide Calvaresi. È parte del progetto Symphonia, legato allo studio delle opere di Ildegarda di Bingen. Si è occupata di diversi spettacoli teatrali, tra cui In punta di voce sulla figura di Luigi Tenco e La vita privata di Giulia Schucht, sulla moglie di Antonio Gramsci con il pianista Fabio Capponi. Ha collaborato con i performer Cecilia Ventriglia e Guillermo de Cabanyes (all’interno del bando Invasioni contemporanee) e le danzatrici Elisa Balugani e Dafne Coccola, occupandosi della sonorizzazione di due relativi spettacolo. Ha scritto la post-fazione del libro Femmine Rock dello Stivale di Laura Pescatori. Continua ad indagare aspetti legati alla vocalità con le insegnanti M. Cristina Domenella e Niconote, pseudonimo di Nicoletta Magalotti ed è stata selezionata al corso di alta formazione vocale e teatrale alla Malagola di Ravenna. Ha partecipato al seminario Canti arcaici del Mediterraneo con Anna Maria Civico presso il Centro Teatrale di Ricerca di Venezia. Tiene un corso di musica d’insieme presso il Centro per i Disturbi del Comportamento Alimentare di Fermo. È parte del collettivo MESCE, volto alla ricerca e messa in opera in chiave elettronica ed elettrica del repertorio tradizionale folkloristico marchigiano. Ha conseguito con lode una tesi sul paesaggio sonoro con campane presso la facoltà di Architettura di Camerino.

Monica Del Carpio inizia lo studio del violoncello con i Maestri Anselmo Pelliccioni e Tiziano Ricci, che la preparano per l’ingresso al Conservatorio; durante gli anni di studio con il Maestro Vincenzo Taroni, che la porterà al Diploma, si perfeziona con i maestri Marco Dalsass, Luigi Piovano e Marcella Ghigi; nel frattempo si esibisce in formazioni cameristiche in Germania, Polonia e Italia. Negli ultimi anni del Conservatorio si qualifica due volte come Professore d’orchestra, partecipando ai corsi della Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi (AN) e dell’Associazione Artemusica di Viterbo. Attualmente insegna strumento e teoria e solfeggio presso l’Istituto musicale “N. Vaccaj” di Tolentino (MC) e la scuola Zona musica di Ancona. È violoncellista del Ta Néa String Quartet, con il quale si esibisce regolarmente; collabora con la cantautrice Serena Abrami.

Informazioni

Info e prenotazioni 0734.217140 - 392.4450125

Organizzazione

Assessorato Pari Opportunità

Biglietto

ingresso gratuito su prenotazione

Condividi: